Adci 2.0?

Sono fresco fresco degli Adci awards.

E’ stata una serata che mi ha fatto pensare, anche perché è da un po’ di anni che bazzico questa simpatica accolita.

Ok il livello delle idee è basso, pochi premi, siamo rigorosi, ok.

Ma vorrei provare una cosa difficile: guardare cosa c’è sotto. Sotto il basso livello delle idee, ma anche sotto il basso livello delle iscrizioni in alcune categorie (studenti e credo anche altre).

Piccolo flashback personal/storico:

Sbavavo per il club, anzi sbavavo per la pubblicità, sbavavo per entrare nelle agenzie giuste, sbavavo per salire su quel palco, sbavavo per Cannes, sbavavo per diventare una star. Sbavavo: non dormivo la notte, le pensavo tutte, mi rodevo di brutto per un titolo, un sottotitolo, un folder. Era così, eravamo così, in tanti. La pubblicità era (siamo nel 1987 diciamo) la terra promessa di chi-si-sentiva-creativo-ma-stava-cercando-la-sua-strada. I vari Emanuele, Gavino, Marcomignani erano i deus ex machina della nostra trasformazione da bruchi di periferia a magnifiche farfalle.

Ma le cose cambiano. La pubblicità è stata superata, nella classifica delle cose fiche da fare, da tanto altro. E il club non ha più il gioco facile che aveva nell’essere il riferimento di tutta la creative community italiana.

Dove sto andando a parare? Qua: secondo me il club corre il pericolo di diventare poco influente, una cosa tra mille, mentre credo che il senso della sua esistenza sia essere IL riferimento della creatività in comunicazione.

Quando c’era *solo* la tv, la stampa, l’affissione e la radio, e tutto questo passava necessariamente da un’agenzia, credo che intercettare il lavoro migliore fosse relativamente facile.

Intercettare il lavoro migliore, oggi, vuol dire mille cose, oltre a quelle di cui sopra: internet, viral, ambient, conversation, bananas, zooppa, womma, youtube, buzz, user-generated e quant’altro.

In questo scenario, il lavoro migliore può benissimo esprimersi sui mezzi che il club non è abituato a premiare, non a caso il lavoro più applaudito l’altra sera è stato un lavoro ambient.

Sia chiaro: credo che il club abbia fatto passi da gigante. Dopo il sonno in cui si era adagiato per qualche anno, è tornato con molta determinazione e aggressività ad essere un interlocutore sulla scena della comunicazione e del marketing. Questo va detto perché abbiamo visto tutti il lavoro durissimo dei consiglieri, e non vorrei mai che queste parole suonassero critiche. Anzi, è proprio perché il club è cresciuto com’è cresciuto che si può tentare ora il salto nella sua era… (lo dico? dai lo dico, solo stavolta, bloggo da tre giorni, fammelo dire) …2.0.

Abbastanza chiaro, su questo, anche il parere di uno dei massimi vincitori della serata, Francesco Taddeucci via blog Adci (c’è da scendere verso la metà pag, è il 33mo di oltre 70 commenti):

Per quanto mi riguarda, farò il possibile perché l’Adci si svegli e ci svegli. Si può fare. Le persone ci sono. Basta cambiare (quasi) tutto.

(di Francesco condivido tutto l’intervento, in particolare la nota sui giovani, dove dice che si è sentito imbarazzato davanti a i giovani della sua agenzia. Anche io pensavo ai giovani, agli studenti, che dopo aver aderito poco al premio – e dovremmo chiederci perché – si sono sentiti bastonare di santa ragione. Per di più l’unico sotto i 30 ad essere salito sul palco è stato sonoramente fischiato. Tutto un po’ disturbante).

Concludo.

La mia modesta opinione su ciò che il club dovrebbe fare come priorità assoluta:

Intercettare il lavoro migliore ovunque sia, soprattutto dove non siamo abituati a guardare.

Obiettivo: tornare ad essere il riferimento centrale della creatività in comunicazione.

Credo si tratti di qualcosa di radicale, tipo non fare nient’altro per un anno che studiare tutto quello che c’è in giro oltre l’adv tradizionale, capirne i meccanismi, e infine entrare – più con l’umiltà dei beginners che con l’autorevolezza di un club storico – in tutti quei luoghi, virtuali e non, dove si produce eccellenza creativa, e candidarsi per esssere IL premio. Per un anno non fare il premio né l’annual, motivandolo con un sabbatico di rinnovamento (magari è il gancio di una bella campagna pr).

La proposta è radicale, me ne rendo conto, ma forse è meglio sparire dalla scena un anno e ripresentarsi in grande spolvero che non essere sulla scena senza nessuno a guardarci.

(Anche perché secondo me non abbiamo ancora perso nulla. Basta vedere la lunghissima lista di critiche sul blog per capire come il club sia ancora lì al suo posto, nella testa e nel cuore della creative community, dove tutti guardano per trovare il bel lavoro. E se non lo trovano si incazzano, e hanno ragione).

Annunci
5 commenti
  1. FRa' ha detto:

    Massimo, ci abbiamo messo almeno sei anni, prima di capire che andava fatta la categoria ambient (o guerrilla). Pensa io ho dentro l’annual del 2001 una campagna di merda, nel senso che era un Guerrilla/ambient fatta con lo sterco dei cavalli, mettendo un cartellino sopra la cacca dei cavalli a villa Borghese e a Piazza di Spagna a Roma e ad Hide Park a Londra, inserita nella categoria Materiali promozionali(!!!). Spero per il prossimo anno che al grand prix possano concorrere tutte le categorie. Io pero’ il premio lo farei anche il prossimo anno. Si puo’ migliorare in tempo. Per il resto sono d’accordo con te. Gia’ a Londra nel 2000, avevano lanciato l’allarme sul disinteresse dei giovani verso l’advertising. Nelle agenzie non arrivavano piu’ richieste di assunzione da parte dei giovani. Le agenzie di Londra non tiravano piu’. Pienone invece nelle aziende di design dei giochi elettronici. Con i nostri soliti 7 anni di ritardo eccoci qua anche noi.

  2. [per uscire fuori dal marasma generale e per inaugurare il blog]

    Till – ma non solo – lamenta il nostro scarso sex appeal (soprattutto) tra i giovani. Direi di più: rendiamo l’Adci ad alto contenuto erotico. Usciamo con un calendario hot, presentiamo dei mesi bollenti, con incontri, conferenze, mostre. Ottobre potrebbe essere il mese più caldo (si lancia l’Annual e la Call For Entries). Rendiamo maggio il mese più spinto (diamo forma e sostanza al ‘Weekend della Creatività’). Organizziamo eventi eccitanti e facciamoli venire tutti. Entriamo nelle università con esposizioni (sia data gloria agli studenti che partecipano alla nostra Call For Entries). Imbandiamo la tavola per una grande abbuffata stile ‘Notte dei Pubblivori’. E perché non costruire un evento intorno a Cannes?

    Lei dice: “(1) migliorare l’ADCI si può fare. (2) Le persone ci sono. (3) Basta cambiare (quasi) tutto.” Buona la prima. Inesatta la seconda. Dove sono queste ‘persone’? Come – giustamente – lamenta Sala “la maggioranza di questo Club scompare semplicemente dalle scene per 11 mesi e 3 settimane e si riaffaccia solo per valutare chi ha premiato cosa e perché”. Alle riunioni si è sempre in pochi. E sempre gli stessi. “E mica posso fare tutto io” direbbe Quelo di Guzzanti.

    p.s. per i giovani (sempre chiamati in causa) qualcosa si era proposto. Con Saveri, l’anno scorso avevamo lavorato per proporre dei brief ‘veri’ con clienti ‘veri’. Poi per mancanza di tempo, tutto è finito nel cassetto. Forse quest’anno lo riapriamo. Il problema però è sempre lo stesso: servono persone (e soldi) per promuovere l’iniziative nelle scuole (modello “spot school award”). E ristiamo da capo.

  3. grazie del bel post inaugurale. sono emozionato come quando mi è uscito il primo annuncio trade. se posso, ti chiederei di non darmi del lei (mi è venuta la rima), 46 anni sono già un’età difficile, dammi una mano!

    entrando nel merito, ti seguo e condivido. i soci non ci sono, si svegliano una settimana all’anno, sono capaci solo di ricattare il club perché vogliono il premietto, ci sono le idee ma non chi le realizza, ok ok. tutto giusto. sacrosanto.

    non voglio essere scambiato per uno tutto chiacchere e distintivo. diamo al club quel che è del club, che è tantissimo e lo riconosco. riconosco anche che io non ho fatto praticamente niente fino a oggi.

    ma proviamo ad andare oltre. se sono solo parole, vedremo, ma intanto anche quelle sono un inizio di qualcosa.
    tanto per dire: la prossima volta che serve uno per fare una cosa potete chiamare il sottoscritto e dirgli: tu che parli tanto… ed ecco raccattate un paio di braccia in più, no?

    frà: in ritardo è meglio che mai. 7 anni sui migliori del mondo non è male. secondo me ce la faremo. (me la ricordo, la tua campagna, profumava di ambient ancora prima che lo inventassero…).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: