L’importanza del tono di voce.

Chi nella vita ha affrontato un brief (ricordate i brief? Il prodotto, poi il benefit, il plus, la reason why… erano carini, eh) forse ricorderà che a volte, in fondo, c’era la riga del tono di voce.

Ho sempre avuto un debole per il tono di voce, quella sfumatura di senso che attraversava tutta la campagna, dalle scelte tipografiche al taglio delle luci.

Secondo me, il tono di voce è una guida nella vita.

Se alla riunione di condominio togli il contenuto ai discorsi che senti e guardi solo come la gente dice quello che dice… magari scopri che il ragioniere del secondo piano è una brava persona.

Poi i titoli dei libri: come facevi a non comprare Opinioni di un clown? O a non ascoltare Il vitello dai piedi di balsa? O certe bodycopy (My son, the pilot, gli annunci Voiello di Mignani)… o quel titolo di Pino Pilla: Mi offriresti un whisky? No.

Forse il tono di voce è il lato estetico di un discorso.

Adesso cito Brodskij (improvviso colpo d’ala del post!): l’estetica è la madre dell’etica.

Giudice: Qual è la tua professione?,
Brodskij: Traduttore e poeta.
Giudice: Chi ti ha riconosciuto come poeta? Chi ti ha arruolato nei ranghi dei poeti?
Brodskij: Nessuno. Chi mi ha arruolato nei ranghi del genere umano?
(Atti del processo del 1964)

Comunque volevo dire che, anche bloggando, visto che non puoi certo seguire tutto (abituarsi in fretta all’idea che la cosa è fuori dal mio controllo, come dice la 16a slide di questa bella presentazione segnalata delle gatte di via plinio) la buona vecchia regola del tono di voce aiuta molto.

Così mi ritrovo a non leggere quel post dal contenuto perfetto per me, il mio lavoro, i miei clienti, la mia riunione di domani… e invece quell’altra cosa, apparentemente gratuita, svincolata e lontana dai miei interessi, guarda guarda, mi è già entrata negli occhiali e si sta accomodando nel cervello perché… mi piace il suo tono di voce.

Annunci
8 commenti
  1. Annie ha detto:

    “Così mi ritrovo a non leggere quel post dal contenuto perfetto per me, il mio lavoro, i miei clienti, la mia riunione di domani… e invece quell’altra cosa, apparentemente gratuita, svincolata e lontana dai miei interessi, guarda guarda, mi è già entrata negli occhiali e si sta accomodando nel cervello perché… mi piace il suo tono di voce.”

    non sono una pubblicitaria, ma sono capitata qui, ed è stato un piacere!
    grazie a.

    ps. non sono un ragioniere, ma sono lo stesso una brava persona – anche se gesticolando per strada mi è capitato di dare degli sberloni a dei bambini di passaggio.

  2. Annie ha detto:

    ps. non vorrei sembrare grafomane, forse solo un po’ neofita entusiasta, ma se qualcuno mi citasse, a me piacerebbe saperlo…
    ecco:http://ilrebis.wordpress.com/
    per un po’ cercherò di censurare l’entusiasmo, a meno di non riuscire proprio a trattenermi!

  3. advertiti ha detto:

    complimenti per l’articolo e l’intenzione di fare da chioccia.
    ci leggiamo

  4. salva per un pelo! ha detto:

    Sto affrontando un brief adesso e grazie alle,si fa per dire, ottime spiegazioni della profe non avevo idea di cosa fosse il tono di voce!mi hai salvato da un’insufficienza assicurata!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: