Rent-a-car marketing. Joining the conversation!

Uso l’autonoleggio, e lo trovo scarsissimo (già spiegato qui).

Da un po’ di tempo ne brontolo qui sul blog.

Beh, devo dire che il blog mi sta dando le soddisfazioni che il rent-a-car non mi dà…

Prima soddisfazione: sono venuto a conoscenza di alcuni fatti virtuosi e semi-sconosciuti del car sharing che mi hanno convinto ad iscrivermi. Devo ringraziare (oltre al fatto di bloggare) Cristiano per avermeli fatti notare in un suo commento a questo post.

Seconda soddisfazione: con mia sorpresa, una multinazionale dell’autonoleggio si è fatta viva (tramite Massimiliano) nei commenti di quest’altro post, raccontando alcune cose sulla loro visione del business e informandomi perfino su una iniziativa pilota di Noleggio a Lungo Termine che stanno testando in due ipermercati della Lombardia.

Due risultati forse piccoli, ma del tutto impensabili e irraggiungibili senza blog.

Advertisements
3 commenti
  1. Da noi c’è una cosa bellissima a cui sto per abbonarmi: il car sharing/autodate, che è un autonoleggio per percorsi e tempi brevi con abbonamento. Se sei abbonato, ti puoi prenotare su Internet la macchina anche fino a 5 minuti prima, se è libera. La usi, la riporti e in genere costa meno dell’autobus sullo stesso percorso. Il massimo di sforzo da fare è il pieno ogni tanto, da pagare con la tessera personale che ti fa da chiave.

    Ma io in realtà ti avevo scritto per chiederti: tu partecipi ai PR-emi tra blogger? Che te ne ho appena assegnato uno.

    Ciao,

    Barbara

  2. cristiano ha detto:

    caro massimo. ho letto il tuo post e sono un paio di giorni che ci ho un disagio che adesso provo a definire.

    perché finché si rimane fra noi due, il blog, i commenti, il carscering, la condivisione, etc etc va tutto bene.

    però poi scrivono alcuni miei ascoltatori, poco più di una decina [che sono comunque tanti], che mi dicono che hanno letto i nostri scambi nei commenti e che li abbiamo convinti. si sono iscritti al carscering.

    “eccheccacchio, ma così? sulla fiducia? senza controllare ne chiedere ad altri?”

    no perché, va bene che io sono smaliziato, penso spesso male e sono sempre sul chivalà [ieri ho scambiato per fiscing una mail di mio fratello rimasto senza soldi in nicaragua, solo perché non mi chiamava per nome all’inizio della mail], ma di fronte ad un post come il tuo ed ai commenti che ci siamo scambiati io, da utente, penserei, nell’ordine:

    .ipotesi a: cristiano è pagato da più aziende per parlare bene di questo e di quello su blog selezionati. in dieci commenti ha lasciato cadere fra le righe un marchio ogni volta che ha potuto, facendo un po’ quello che “non vorrei fare pubblicità” ma che alla fine la faceva.

    .ipotesi b: massimo non è stato convinto per un cacchio dai commenti, ma essendo anche il suo di lavoro, ha colto la palla al balzo, è andato da quelli del carscering ed in cambio di un forte sconto su iscrizione ed utilizzo ha fatto un nuovo post ed altri ne seguiranno per parlare bene del carscering. probabilmente ogni dieci nuovi iscritti che fanno il suo nome, ha una auto ibrida in regalo.

    .ipotesi c: massimo e cristiano fanno più o meno lo stesso lavoro e nella stessa città. gnente di più facile che lavorino entrambi ad una campagna di marcheting non convenzionale per milanocarscering. come il gatto e la volpe, uno fa un post in cui elenca i principali difetti del carscering per come vengono recepiti dalle persone, dopo una attenta analisi del mercato, l’altro fa un commento smontandoglieli passopasso, e via così cantandosela e suonandosela per qualche ulteriore commento fino al convincimento dell’altro e, si spera, di tutti gli utenti del blog.

    ora, ovviamente nulla di tutto questo corrisponde al vero ed io e te ci siamo solo scambiati commenti ed opinioni sulle potenzialita dell’autonoleggio. e se da tutto questo ne è uscito qualcosa di buono anche per altri è solo una buona notizia. ma porca vacca, possibile che a nessuno il dubbio sia venuto? certo, “join the conversation”. ma poi dai anche una controllata in giro! mandami una mail, fammi più domande, smentiscimi su qualcosa, cerca un secondo ed un terzo parere. almeno.

    perché se non si arriva, anche, ad una generazione di consumatori 2.0, più evoluta, che sappia davvero scegliere utilizzando gli strumenti in più a sua disposizione, tutto ciò non serve a nulla. rischia di diventare solo un sistema dannatamente più efficace per prendere in giro più persone.

    per carità. non sto per mettermi a smoraleggiare su pubblicità, marcheting, etica e bla bla bla. ma se il leone si evolve e corre più forte, anche la gazzella si dovrebbe inventare qualcosa. o no?

  3. max ha detto:

    orca, cristiano, 10 ascoltatori iscritti al car sharing… sei un vero influencer!

    scusa se sdrammatizzo, comunque sì, hai ragione che a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca.

    comunque: sono innocente.

    niente prius omaggio, niente sconto vip, mi hanno convinto veramente i commenti (e l’incentivo di 800 euro sui km).

    sulle questioni più grandi che sollevi… non posso darti torto, però mi piace pensare che se qualcuno fa una decisione d’acquisto sulla base di quello che dice qualcuno di cui si fida, beh, forse già questa è una garanzia, magari neanche tanto scarsa, che dici?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: