Ho letto Il punto critico.

Queste tre caratteristiche – 1. la contagiosità; 2. il fatto che piccoli cambiamenti possono avere grandi effetti; 3. il fatto che il cambiamento avviene non gradualmente, ma in un momento dato – sono gli stessi tre principi che definiscono il modo in cui il morbillo si diffonde in una classe delle elementari, o come l’influenza colpisce ogni inverno.

Delle tre, la terza, l’idea che le epidemie possano subire impennate o crolli in un momento critico, è la più importante, perché è quella che conferisce un senso alle prime due […]

Quel preciso momento di un’epidemia, quando tutto può cambiare all’improvviso è il Punto Critico.

Ecco da cosa si parte, secondo Gladwell, per capire il passaparola: dall’epidemia.

Una volta che hai capito come si diffonde un’epidemia, beh, puoi anche cercare di provocarla, e credo che il suo libro abbia avuto un certo impatto sullo sviluppo di quella parte di marketing denominata word of mouth (ne abbiamo parlato anche qui, a proposito del libro “Anatomy of Buzz“).

Io l’ho trovato gradevole, piuttosto ben fornito di argomenti, senz’altro interessante nel complesso, anche se non posso negare di aver percepito gli anni che ha (otto).

Questo non gli toglie validità, però – se devo essere sincero – credo vi siano libri successivi (questo, ad esempio) che in qualche modo lo comprendono, magari ampliandone i concetti grazie agli sviluppi che nel frattempo vi sono stati, nella rete e nella società.

Il libro in una frase:

Alle basi del marketing virale: un bel viaggio nella storia dei virus. Lasciatevi contagiare, vi piacerà…

Advertisements
5 commenti
  1. baldo ha detto:

    Lo lessi al tempo, comprato a caso in una libreria in America: onestamente non lo ho capito del tutto fino a quando non ho cominciato a leggere i blog. Oggi forse dà quella sensazione del “da qui è cominciato tutto”… :)

  2. vitzbank ha detto:

    Un buon riassunto :-)
    Non sapendo che fare io ci ho scritto una tesi una quindicina di mesi fa :-D

    Un saluto

  3. max ha detto:

    @baldo: sì anche a me ha fatto piu o meno quell’effetto, però gladwell è andato avanti e ha scritto dell’altro, dopo. chissà come sono i suoi successivi…

    @vitzbank: grazie, detto da uno che ci ha scritto la tesi è un gran complimento!

  4. Ne ho scritto anch’io sul blog e sono d’accordo. Di Gladwell ho letto “Fuoriclasse” che però mi sembra meno marketing-oriented del punto critico. La prospettiva mi sembra più ampia e meno riassumibile in una sola domanda anche se, forse, si può dire che si occupa di spiegare meglio i fattori della terza legge che, nel punto critico, resta un po’ vaga…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: