Grandissimo Davide, coworker che vince i premi internazionali!

immagine-1

Davide Tagliapietra (secondo da destra) è un ingegnere aerospaziale di 36 anni che si occupa di progettazione nautica per la sua azienda, la Schickler Tagliapietra Yacht Engineering.

E’ il team leader di Green Cruiser 50 – una barca straordinariamente innovativa, a propulsione ibrida a pannelli solari con struttura in fibra di bamboo e rifinita con vernici fotovoltaiche, progettata con i suoi partner (30 e 28 anni) soprattutto attraverso Internet – che gli ha valso la vittoria al premio internazionale Next Sly Contest.

E sapete dovè l’ufficio di Davide?

Esatto, al Cowo di Via Ventura, a Milano. (Qui la sua video-intervista).

Una storia come questa dimostra così tante cose dell’Italia (il talento, l’energia, l’inventiva, la competitività, la giovinezza, la capacità di vincere, la bravura, la flessibilità, la modernità, l’intelligenza, la potenza, la grinta, la passione, l’amore per il proprio lavoro) che dovrebbero passarla al telegiornale tutte le sere.

Riporto volentieri la motivazione della giuria, capirete che il mio entusiasmo è più che giustificato.

L’approccio assolutamente innovativo, innanzitutto.

La barca ha appassionato tutti, non solo perché rispondeva in maniera puntuale ai requisiti del bando (lunga autonomia, equipaggio ridotto, basso impatto ambientale, vivibilità in coperta e negli interni), ma soprattutto per l’originalità e l’alto contenuto di innovazione ricercato in ogni soluzione proposta, in particolar modo nelle appendici, e nella originalissima chiglia basculante.

Un’idea nuova che ha sicuramente molti limiti in termini di fattibilità industriale, ma che rivoluziona il punto di vista suscitando grande interesse per un approfondimento.

Il sentimento generale è stato quello di trovarsi di fronte a un progetto un passo avanti agli altri: anche eliminando gli aspetti più originali della timoneria e del bulbo, si tratta comunque un ottimo yacht, con una coperta intelligente, interni comodi e una grande personalità estetica.

Lo scafo seppure meno spettacolare di altri ha una linea pulita, moderna, ma allo stesso tempo abbastanza classica da non essere soggetta ai dettami del tempo e della moda.

L’impressione generale è stata dunque quella di un progetto realizzato con massima diligenza e attenzione alla ricerca.

Soluzioni semplici e soluzioni ancora da esplorare.

Probabilmente alcune di loro non saranno praticabili in termini di fattibilità, ma questo è lo scopo di Next Sly Contest: una visione nuova e fresca, proveniente da una prospettiva differente.

Annunci
8 commenti
  1. Gio ha detto:

    Immagino sia quel ragazzo che ho visto lì l’altra sera, seduto davanti alla porta… non l’ho visto bene in volto, ma par lui (o sbaglio?).
    Rispondo alla mail, ancora grazie per l’accoglienza (il termine è proprio “giusto”) e a presto!

  2. Davide ha detto:

    Complimenti a Davide!
    Ricordo ancora il tempo in cui era un fresco coworker.. e guarda ora com’è cresciuto.
    Certo il cowo ha influito in questo successo, ma diciamo la verità.. è una questione di nome anagrafico!

  3. Leonardo ha detto:

    i miei più sinceri complimenti a DAVIDE.

    see u

  4. lumachina ha detto:

    Mi piacerebbe invitare Davide alla Lago Maggiore Solar Challenge, regata per imbarcazioni elettriche e fotovoltaiche. Puoi passargli l’invito, per favore? Grazie mille!!!!
    :)

    • max ha detto:

      Certo che sì, provvedo subito. Ciao!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: